Io e mio figlio. Soli.

“Sono innamorato? – Si, poiché sto aspettando”.
L’altro, invece non aspetta mai.
Talvolta, ho voglia di giocare a quello che non aspetta;
cerco allora di tenermi occupato, di arrivare in ritardo;
ma a questo gioco, io perdo sempre:
qualunque cosa io faccia,
mi ritrovo sempre sfaccendato,
esatto, o per meglio dire
in anticipo.
La fatale identità dell’innamorato
non è altro che:
io sono quello che aspetta.
(Roland Barthes)
 
Un giorno spiegherò al mio bambino a che gioco son stata costretta a giocare.
Io che non facevo altro che amare.
E che non pensi mai lui sia stato un gioco per me. Ma la prova di aver amato.
Anche se a giocare con lui, il mio bimbo primogenito, mi diverto tanto.
E’ l’unica mia gioia.
 
 
Annunci
Published in: on 21 ottobre 2009 at 1:34 AM  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://esperia75.wordpress.com/2009/10/21/io-e-mio-figlio-soli/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: