Patchwork of life

Aveva bisogno di pensare per sfuggire a quello che provava. (Paullina Simons, Il cavaliere d’inverno)

Non conosce paura l’uomo che salta e vince sui vetri e spezza bottiglie e ride… e sorride, perchè ferirsi non è possibile, morire meno che mai e poi mai. Insieme visitata è la notte, che dicono ha due anime e un letto e un tetto di capanna utile e dolce come ombrello teso tra la terra e il cielo… Lui ti offre la sua ultima carta, il suo ultimo prezioso tentativo di stupire, quando dice “È quattro giorni che ti amo, ti prego, non andare via… non lasciarmi ferito”… E non hai capito ancora come mai, gli hai lasciato in un minuto tutto quel che hai… …però stai bene dove stai. (Francesco De Gregori, Pezzi di Vetro)

Guardo molto dentro me stesso. Non è rabbia: è autoanalisi. Serve a farmi capire gli altri, ma serve anche a me per resistere all’omologazione imperante.  (Giorgio Gaber)

… Forse ho sempre amato sopra ogni cosa il postmodernismo per la capacità di fare un patchwork di tutto ciò che è stato prima di noi.

Ho preso ago e filo in mano ma non ho mai seguito lezioni di cucito. E ho raccolto tutti i pezzi della mia vita, lo straccio in cui si era ridotto la mia anima, li ho alzati controluce, e ho riconosciuto in ogni frammento un microcosmo nato dall’esplosione dei mondi precedenti. Così mi sono seduta al calore del fuoco della maternità e ho cominciato a cucire insieme un patchwork con tutti i pezzi e gli stracci  raccolti dentro me… Saranno il mio nuovo vestito d’estate, la mia coperta d’inverno, sono la mia vita reinventata con un ordine ed un colore nuovo: quello che ho ritrovato con la bambina che avevo perduto negli occhi grandi e fieri di mio figlio, quello che ho ricordato di scoprire a sei anni nelle mie scatole di cartone con fori e parietaria, che un mattino venivano invase da uno scoppio di colori a seguito la distruzione  di un fragile bozzolo dove in un angolo si nascondeva un esserino bagnato e tremante… …che ora aveva le ali. La fine di un mondo per un bruco,  l’inizio del nuovo per una farfalla. E chi l’ha detto che da qualcosa in frantumi non puoi creare qualcosa di nuovo? (Amy C.75)

 

...Patchwork of life.

…Patchwork of life.

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://esperia75.wordpress.com/2013/02/24/patchwork-of-life/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: