Lettere dal passato progressivo…o dal futuro nemmeno tanto remoto.

Una lettera d’amore.
Nessun genere epistolare è meno difficile:
ci vuole soltanto dell’amore. 

Raymond Radiguet

La bellezza è una lettera di raccomandazione aperta,
che ci accattiva anticipatamente gli animi.

Arthur Schopenhauer

Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell’anima.
Il passato non esiste in quanto non è più,
il futuro non esiste in quanto deve ancora essere,
e il presente è solo un istante inesistente di separazione tra passato e futuro.
[…]
Un fatto è ora limpido e chiaro: né futuro né passato esistono.
È inesatto dire che i tempi sono tre: passato, presente e futuro.
Forse sarebbe esatto dire che i tempi sono tre:
presente del passato, presente del presente, presente del futuro.
Queste tre specie di tempi esistono in qualche modo nell’animo e non le vedo altrove:
il presente del passato è la memoria,
il presente del presente la visione,
il presente del futuro l’attesa.

Agostino d’Ippona

 

Oggi è arrivata una cartolina che credevo perduta.
Ci ha messo esattamente 28 giorni per arrivare.
Ha fatto il giro che fa la luna.
Potere di Poste Italiane…era giusto una regione più a Sud…e ci ha messo un mese.
E solo la mia, ovviamente, ci ha messo un mese.
Ma tutto ha un senso.

Mi è sembrata una cartolina proveniente da un futuro remoto.
La verità è che arriva da un “passato progressivo”.

Ebbene si, è un tempo che ho inventato io.
Sulla falsariga inglese.
Cerco di significare un tempo che era ieri, eppure sembra così remoto. Un tempo che si sta costruendo, giorno dopo giorno, trasformando, travolgendo e coinvolgendo la mia esistenza come quello squarcio nelle nuvole nei temporali di Marzo, che annuncia la Primavera imminente.
Quello squarcio che ti coglie alla sprovvista più della pioggia a cui eri abituata.
Ora si, che salti come una bambina nelle pozzanghere che riflettono frammenti di arcobaleno…

Ho letto questa cartolina, in una sera casalinga, senza gli occhi in cui riposa la mia felicità, con mio figlio accoccolato sulle mie ginocchia, innumerevoli volte.
Mi ha emozionata straordinariamente.
Perché viene dal tempo della lontananza, della separazione, della speranza, delle paure e dei sogni.
Tutte cose che oggi sembrano illuminate da un senso nuovo, che dal passato prendono forza e vigore per progredire, creando per il futuro un presente senza fine.
Così come il freddo della neve conserva il seme della nuova stagione di tepore.

Mi chiedo se fosse arrivata tra dieci anni, questa cartolina.
Sono sicura mi avrebbe emozionata come mi emoziona oggi.
Un giorno, tra dieci anni, la porterò con me, quando ne spedirò una a testimonianza della speranza.

...lettere dal passato progressivo...o dal futuro nemmeno tanto remoto.

…lettere dal passato progressivo…o dal futuro nemmeno tanto remoto.

 

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://esperia75.wordpress.com/2013/08/19/lettere-dal-passato-progressivo-o-dal-futuro-nemmeno-tanto-remoto/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: