Il segno “+” davanti alle cose

Ignorerò gli ostacoli ai miei piedi e terrò gli occhi fissi alla meta sul mio capo, poiché so che dove finisce l’arido deserto cresce l’erba verde.
(Og Mandino)

Non mi farò peggiorare dall’inganno in cui sono caduta per un eccesso di fiducia e un difetto di controllo. Nonostante sia stata tradita da una persona a cui avevo aperto il cuore, non mi trasformerò in una donna cinica, diffidente e sempre sulla difensiva. Cercherò di essere più presente alla vita e a me stessa, accorgendomi di ciò che mi succede intorno. Anche se sono stanca, stremata e spolpata da mille urgenze e centomila problemi…
Non mi farò peggiorare perché ho un grande alleato: l’autoironia, che mi fa scherzare persino sul furto che mi ha recato tanto dolore…
Non mi farò peggiorare, anche se le persone intorno a me non mi capiscono e invece di offrirmi la loro solidarietà si permettono di giudicarmi come se fossi una sciocca o un’illusa. Imparerò a essere più prudente, ma non voglio diventare più rigida, perché per salvare una collana mi perderei altri tesori dell’esistenza a cui può accedere solo un cuore aperto e disponibile alla meraviglia.
(da una lettera a Massimo Gramellini)

Oggi la giornata era cominciata con una paradossale, ossimorica constatazione:
        “va tutto perfettamente storto”
L’amara considerazione con alcuni amici, e la piena, certa consapevolezza che tutto ha un senso…però spesso, cavolo, questo senso è difficile coglierlo…e talvolta arriva dopo anni.

E poi accadono cose.

Certo, ho preso tre giorni di congedo per portare mio figlio al mare e purtroppo accade che devo fare altro…ma mio figlio mi guarda e dichiara serafico – ho il dubbio che mi legga l’anima attraverso gli occhi- che vuole fare altro, ed è contento di poter stare giorni interi con me e che non vada a lavoro…

Incontro un estraneo amico di zia, mi guarda e mi chiede se voglio andare a cantare con loro (e non sapeva che avrei tanta voglia di tornare a cantare anche con un’ottava in meno!!!)

E poi c’è chi non mi ha mai visto, mi stringe la mano e mi ricorda quello che sono…mi dice di non “devo farmi peggiorare” (come un amico appena una settimana fa), di perdonarmi, di volermi più bene altrimenti li acchiappo tutti come quel narcisista fedifrago del mio ex (lo psicologo intendo), e… che devo vedere tutto anche con un “+” davanti.
Anche me stessa… con un “+” davanti.

Questa persona mi parlava, ed io pensavo alle parole di mio figlio.
Pensavo a mio figlio che pensa sempre a quello che ha perso, che ha il coraggio di dire che gli manca ma guarda con gioia avanti e a quel che ha, e si dice ricco e fortunato; pensavo anche a quell’amica, che mi ha detto che devo starci “comoda” nelle cose…non sentirmi vocata -cioè condannata- al sacrificio…allontanare cose e persone che non mi fanno vivere…

Ora il senso è più chiaro, del “perfettamente storto”.  Mi è venuto in mente quel famoso “Dio scrive dritto anche sulle righe storte”…

Ho incontrato in chiusura di giornata una persona che amo tanto con la sua bella famiglia…e mi è mancata invece una persona che speravo avrebbe trascorso con me e mio figlio un po’ di tempo. Eppure sapevo perche’ si era oscurata…questa persona la conosco da sempre.
Anche grazie al bene che le voglio, da sempre, nonostante tutto, so che non mi farò peggiorare.

E che da oggi mi ricorderò del “+” davanti cercando di farne un mantra…

The URI to TrackBack this entry is: https://esperia75.wordpress.com/2015/07/03/il-segno-davanti-alle-cose/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: