L’Autunno

Ma dove ve ne andate,
povere foglie gialle,
come tante farfalle spensierate?
Venite da lontano o da vicino?
Da un bosco o da un giardino?
E non sentite la malinconia
del vento stesso che vi porta via?
(Trilussa)

L’ autunno è arrivato di buon mattino,
ha soffiato sulla mia pelle infreddolita e ha arruffato i miei capelli.
Il suo fresco umido, frizzante come un sorriso di bimbo, ha giocato con le foglie ormai ingiallite di Settembre che si rincorrevano confusamente per il viale.
L’aria di autunno ha sempre qualcosa di magico, profuma sempre di ricordo.
La magia la vede anche il mio filosofo seienne, che in ogni foglia leggera vedeva una farfalla notturna, e si chiedeva se i fiori di zucca fossero così grandi perché fanno nascere zucche grandi…
Davanti ad un riflesso di una vetrata, mio figlio mi ha chiesto perché gli specchi riflettono le immagini.
Gli ho spiegato che è nella loro natura, per la loro superficie riflettente…
…E lui sorridendo ha concluso “ah ecco…ma allora alcune magie esistono, nel mondo”.
Come le sue “farfalle d’autunno” gli ho fatto notare.
Lui ha annuito illuminato.
Questo giorno di scuola elementare ha avuto per noi, indubbiamente, un altro sapore.
È il primo giorno d’autunno.

The URI to TrackBack this entry is: https://esperia75.wordpress.com/2015/09/23/lautunno/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: