Seppellire due volte

“La tomba è un monumento posto al confine tra due mondi.”
(Jacques-Henri Bernardin De Saint-Pierre)

…per capire di cosa sto parlando dovete leggere questo eccezionale articolo di paleopatologia.it , in particolare al punto 2.2:

Doppia sepoltura: esperienza popolare della morte nella Napoli contemporanea

…Avevo saltato la ricognizione, nel 2010, in un freddo giorno di gennaio, gravido di pioggia.
Avevo un bambino di pochi mesi e cercavo di tenere a bada sconforto e depressione dovuti al fatto di dover crescere un bambino da sola.
O forse, semplicemente, non ero ancora pronta.
L’elaborazione del lutto è un processo lungo e doloroso. Ed era stato riattivato, allora, dalla perdita dell’ “amore della vita”.

Sono passati sei anni.
Tre giorni prima mi hanno comunicano la riesumazione.
Fino all’ultimo mi sono chiesta se fossi pronta a rivivere e poi a lasciare andare quel carico di immagini e di emozioni.
Quel dolore che prima e’ sordo e poi diviene sottile e sotterraneo…e che col tempo diventa caro ricordo.
Le sue istruzioni per le esequie.
La sua morte tra le mie braccia.
La veglia.
Il canto che desiderava e la sepoltura.
E i giorni a venire, tutti quelli senza mia madre, che diventano poi anche senza la nonna di mio figlio.

Mi hanno aiutato a capire che fare Lucia e Annarita.
E il ricordo delle parole di quella mamma che aveva la quinta elementare, ma così curiosa ed intelligente che mi dico che ho preso tutto da lei. Che senza avere lauree in antropologia culturale o psicologia, un giorno mi disse che doveva esserci, per suo padre, che anche se ne aveva dolore per rivederlo in quello stato “mortifero” di teschi ed ossa da raccogliere in una scatolina doveva farlo: altrimenti, nel suo cuore, non sarebbe mai riuscita a seppellirlo veramente.
E su questa frase (e sul rituale in genere, comune solo ad alcune parti di Italia ed Europa) Freud ci avrebbe scritto un trattato.

Così, in una meravigliosa giornata di maggio, con farfalle, pratoline e papaveri al vento, ho potuto rivivere tutti questi tredici anni…e lasciare andare il residuo dolore. Lasciarlo fluire nella consapevolezza che al suo posto ondeggiano come le spighe al sole l’amore e il ricordo.
E ho imparato che non bisogna avere paura delle proprie emozioni, anche quando hai il terrore che non riuscirai a gestirle…fuggire non serve, decidere di accoglierle ti arricchisce e ti trasforma in una persona migliore.

image

The URI to TrackBack this entry is: https://esperia75.wordpress.com/2016/05/28/seppellire-due-volte/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. …davvero bello!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: