2 Aprile

Un tipo sta volando in mongolfiera e si perde. Si abbassa sopra un campo di granoturco e grida a una donna:  
risponde la donna. <E’a 41 gradi, 2 minuti e 14 secondi a nord, 144 gradi, 4 minuti, 19 secondi a est; è a un’altitudine di 762 metri sopra il livello del mare, e in questo momento sta volando a punto fisso, ma era su un vettori di 234 gradi a 12 metri al secondo>
<Sorprendete! Grazie! A proposito, lei ha la sindrome di Asperger?>
<Sì!> risponde la donna.
<Perché tutto quello che ha detto è vero, è molto più dettagliato di quanto occorre e me l’ha detto in un modo che non mi serve affatto.,>
La donna aggrotta la fronte.
<Sì> risponde l’uomo.
 (Jodi Picoult)

Hans Asperger dichiarò, cito testualmente, che “un pizzico di autismo è necessario per il successo nelle arti e nelle scienze“. E, considerando il numero di persone che hanno avuto successo nelle arti e nelle scienze le cui abitudini e la cui capacità “altra” sociale ha fatto pensare all’Asperger, direi proprio che aveva ragione.
Basta fare un giro in rete per capire a quanta gente illustre si lega l’Asperger: perfino ai più storicamente vicini Steve Jobs e  Bob Dylan.
Mi sono avvicinata all’Asperger, in particolare da poco: laureanda in psicologia, i disturbi dello spettro li ho visti sotto innumerevoli punti di vista… ma è accaduto, ad inizio anno, che un notevole neuropsichiatra infantile, sensibile ed attento,  ha visto – in quel bimbo che solo a settembre scorso un altro competente e lungimirante medico aveva definito essere “tante cose” e la cui composizione variegata avevo personalmente identificato fin da piccolino- i pezzi del puzzle della complessità Asperger.
E’ ancora tutto da definire, ma quando la prospettiva ti cambia e non studi le cose ma le vivi, accade che cerchi persone con cui parlare della cosa…persone che le vivono anche loro.
In particolare, in questi mesi ho conosciuto giovani donne (forse perché ai maschi non piace molto parlare di sé) cui è stato diagnosticato la sindrome di Asperger o quanto meno un autismo ad alto funzionamento (che non è proprio la stessa cosa, ma i confini identificativi sono parecchio labili). Raccontandomi la  loro infanzia, ci ho visto tante cose del mio bimbo.
Sono giovani donne complesse e meravigliose.
Qualcuna di loro mi ha rappresentato la difficoltà-e sovente il male- di vivere. Il peso di essere diverse. Di non capire le battute, di non condividere gli interessi dei coetanei, di essere un pò più irascibili degli altri.
Oggi vorrei dire a queste giovani donne che la difficoltà e il male di vivere è di tutti noi, e soprattutto che per chi funziona in modo diverso (non solo autismi, asperger ma anche tanti altri neurofunzionamenti e altro ancora) è sempre più difficile vivere. Non perché siano “fatti male”, ma perché tutto ciò che è diverso non viene mai fino in fondo compreso da chi non ci somiglia. 
E lo so che per alcuni è davvero difficile vivere. Ma oggi ho visto una mamma con tutti e  due i figli nello spettro autistico, con interazione sociali diverse,  che raccomandava di impegnarsi ogni giorno per migliorare la propria vita e quella dei propri figli.
Non è una malattia, è un modo d’essere.

E c’è questo bellissimo video di Marco Ripà che dice quanto sia “borderline” ai neurotipici l’eccentrico, profondo, e variegato universo dei neurofunzionamenti altri.
Vi invito infine a sentire quanto colpisca al cuore il quadro ed i versi di Zegalvis Torukh ,  nei “moti del sentire” della neurodiversità.

Adam, capire l’Asperger

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://esperia75.wordpress.com/2017/04/02/2-aprile/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: