Genetliaco

Vivere significa nascere a ogni istante.
La morte subentra quando il processo della nascita cessa.
(Erich Fromm)

 

Mi piace molto Mark Twain quando dice che i giorni più importanti di una persona sono due: quando nasci e quando capisci perché sei nato.
Io sono nata in tarda mattinata, con comodo, in un sabato mattina di fine aprile di ben quarantatré anni fa, in una città per un giorno piena di sole invece che di vento, con un cimitero di fronte a casa mia dove riposano alcuni tra i miei poeti e scrittori preferiti. Con l’odore del mare a circondare ogni respiro, e i gabbiani in alto.
E non sono nata a Napoli, ma sono Stabiese.
Ci ho messo parecchi anni per cominciare a capire perché sono nata, io: e forse, se mi sbrigo, riuscirò a capirlo meglio prima di diventare troppo vecchia per pensarci o morirci prima 🙂
Diciamo quindi che ho cominciato: ho preso coraggio, anche il coraggio di dire che non ce la faccio, quando tutto e tutti dicono che sei forte e ce la devi fare.
Ho preso coraggio per ritirarmi, se sento che non riesco a finire una competizione.
Ho preso coraggio per dire che ci sono cose più importanti, e che la cosa più importante, oltre a mio figlio, sono io.

Per il mio compleanno vorrei dire grazie. 
Grazie innanzitutto a chi mi ha fatto e a chi continua a farmi male: perché finalmente ho imparato a mandarli a quel paese e metterli al loro posto (che è più o meno un bagno pubblico). Se non lo avessero fatto, o se avessero smesso, forse non sarei mai evoluta in questo senso.
E poi grazie invece a chi, da vicino e da lontano, mi aiuta. Al preside e alle maestre di mio figlio, che mi aiutano a formare un piccolo grande uomo. A qualche psicologo e ad un neuropsichiatra speciale, che ci supportano. Al musicoterapeuta, e alla maestra Ausilia che è il nostro angelo custode. Al gruppo doposcuola, che è anche il campo estivo.
Vorrei dire grazie al sincero affetto di pochi. Ai loro sorrisi. A zia su, e al mio cugino famoso che è stato il primo a darmi gli auguri, stanotte 🙂
Alla parola cara di una collega e del capo. All’affetto di Tina. All’abbraccio di Emilia.
Alla mano tesa di Lucia, ogni giorno da otto anni, quella sponda che aiuta il  fiume a non esondare anche nei giorni di diluvio.
A Pietro che mi risponde sempre e mi aiuta con il suo grande cuore.
A Mariangela con i suoi cuori che non mi abbandonano mai.
Ai Maurizio che da lontano mi pensano sempre, come Tonia.
A Maria mia cugina e al cugino Antonino. E a Mary, dal cuore grande che trova sempre un attimo per me.
Grazie alla serata di ieri. Al tramonto sul porto, alle amiche e ad una mezza luna capovolta e luminosa. 
Vorrei dire grazie a molti di voi lontani e vicini grazie ad internet. Alle mamme della casa del sole. Ai gruppi di ADHD e Autismo che mi fanno vedere le cose molto più chiare.
Grazie a mio figlio che è il mio faro, quello che sei chiatta e brutta e ti dice, appena sveglia, “mamma, ma lo sai che sei bellissima?”
Il fatto è che ci crede veramente, lui, a quello che dice.
E grazie a Dio, che mi aiuta a non mollare…e a vedere sempre il mondo come quando ero piccola piccola.
Con gli stessi colori, anche se un po’ sbiadite dalle tristezze occorse nel tempo.
amats.jpg

Annunci

Di scioperi, di donne e grandi amori. Di Marzo

Va-come va, va-come va ,come va
Va bene anche se male
Va-come va, va-come va , come va
Il trucco è farla andare
Bevo il bicchiere mezzo pieno finché mi ubriaco
E poi svanisco in un sorriso… come fa il mago[…]

Ringrazio mia madre per le sue parole sante
Figlio mio, la vita è dura, lo confesso
Proverà a metterti in ginocchio troppo spesso
Tu sorridi lo stesso
Magari domani ci svegliamo
Tutti e due sotto a un cipresso

(Mudimbi)

Ci sono cose, che , lo sappiamo, non si possono comprare. Per esempio la salute.
O il tempo.
Per il bene di entrambe, oggi non sono andata a lavoro. Ho “scioperato”.
Avevo tante incombenze da poter fare solo di mattina…e, sinceramente, la morte dello sfortunato capitano trentunenne della Fiorentina, addormentatosi tranquillo, la sera, pensando alla sua bimba e pronto per una nuova grande partita, ignaro che non avrebbe più aperto gli occhi… Beh, come talvolta accade, mi fa fermare e pensare…cosa che nei vortici assorbenti della quotidianità facciamo veramente poco.
E c’era tanto sole…quel sole di Marzo, con quegli azzurri sul golfo accecanti di luce, così belli perché durano poco, rincorsi come sono dalle nuvole che regalano acquazzoni intermittenti…
Quando non vado a lavoro vado a prendere il bimbo a scuola. La gioia che ha, per il semplice fatto che all’uscita ritrova la sua mamma invece che il pulmino… anche quella non ha prezzo.
Mi sarebbe piaciuto poter prendere un caffè su uno chalet sul mare questa mattina. Preferibilmente in compagnia.
Ma…ahimè, essendo “una e trina”, ho dovuto fare altro. Mio figlio è stato il mio chalet pomeridiano in collina. Molto opportunamente, lui che vede forme di cuori ovunque, ha pensato bene, come spesso fa, di trovarmi due ciottoli e dire: “ecco i nostri cuori”.
Eh già.
Il mio grande amore.
Il pomeriggio, diventato nuvolo, ha scoraggiato passeggiate.
Così siamo rimasti ad oziare sul divano, fuori i merli a cantare, mentre scorreva via un altro giorno di fine inverno.
Mio figlio non vede l’ora sia primavera.
Per me oggi un poco lo è stato già.

PicsArt_03-08-07.16.30

 

Come ogni anno, da dieci anni

Silenzio prima di nascere, silenzio dopo la morte, la vita è puro rumore tra due insondabili silenzi.
(Isabel Allende)

Come ogni anno… un bacio leggero leggero come i fiocchi di neve a quel bimbo nato con le ali e volato via in silenzio dopo appena trentotto settimane … con la mamma che immaginava il suo sorriso ma che lo ha visto solo nei suoi sogni.
Oggi avresti dieci anni.
Il tempo di tornare al cielo e subito sei diventato l’angelo custode di mio figlio.
Ecco perché sei sempre qui, in un angolo del cuore.

Frammenti di vite

Dialogare significa un’accoglienza cordiale e non una condanna preventiva. Per dialogare bisogna sapere abbassare le difese, aprire le porte di casa e offrire calore umano.
(Papa Francesco)

Ascoltare è il modo di accogliere gli altri in se stesso.
(Wen Tzu)

Mi piace parlare con la gente a telefono. In quei pochi minuti di telefonata, molto spesso si incrociano frammenti di vite.
Sorrisi.
Battute.
Rabbia o pazienza.
Bambini che ridono in sottofondo.
Gratudine.
Cose che fanno ridere come stufe che comunicano via App.
Ma anche cose molto dolorose, come una madre alla quale una comunicazione sulla numerazione del figlio, perso quarantenne, riaccende un dolore che in fondo non può mai sopire e che necessita di condivisione e di accoglimento….anche con un’estranea come me.
“Soprattutto con un estraneo, quando sei impegnata a far vedere a tutti che sei forte e che stai andando avanti dopo tanti anni”…
…Incroci di frammenti di vite, che ti lasciano sempre qualcosa.

Published in: on 18 novembre 2017 at 2:36 PM  Lascia un commento  
Tags: , , , , ,

Piccola storia di Novembre, dal semi-epilogo promettente

…’cause I don’t care if I ever talk to you again
this is not about emotion
I don’t need a reason
not to care what you say
or what happened in the end
this is my interpretation,
and it dont dont make sense….
…And it don’t have to make sense to you at all
‘cause this is my interpretation!
(Mika)

 

C’era una volta una ragazza trentenne.
Aveva penato a laurearsi perché la mamma era stata ammalata a lungo, fino a morirne, e la serenità dentro e fuori casa era stata compromessa da tempo. Si era laureata con lode sul far dell’estate, e fu chiamata, nove giorni dopo la laurea, per l’unica richiesta di lavoro interinale cui aveva fatto richiesta in regione -perché le altre erano state fatte in giro per l’Italia.
Fu chiamata per un lavoro da diplomata -nemmeno sapevano del recente traguardo- e a lei andava bene così: il suo sogno era prendere la laurea che “da piccola” gli era stata interdetta dal padre, perché avrebbe richiesto di essere fuori sede.
Da grande, più grande, voleva fare la psicologa.
Il lavoro sarebbe dovuto durare poco (massimo due anni) e la ragazza  trentenne aveva lasciato il più precario -ma amato e pieno di soddisfazioni – insegnamento privato per poter sostenere questi altri studi: tuttavia, già dai primi giorni, tutto sembrò veramente bello dall’alto del venticinquesimo piano della grande torre di vetro. La ragazza trentenne parlava con le persone, risolveva piccoli problemi, e questo in una grande azienda ed in un edificio all’avanguardia.
Quasi una favola, per chi come lei ha sempre visto l’azzurro tra le nuvole ed oltre, o l’unico fiore tra il cemento.
In quel periodo riprese a cantare e a suonare; a viaggiare e a scrivere.
Nemmeno undici mesi dopo , e l’interinale divenne assunta stabilmente: la ragazza trentenne nemmeno si pose il problema se accettare o meno, lei che nel frattempo aveva avuto la possibilità di frequentare in altra regione la scuola per gli insegnanti, a cui così avrebbe rinunciato.
Ora aveva la fortuna di un lavoro stabile, una splendida vista sul golfo dall’ufficio del customer care ed un sogno, ancora, da coltivare.
Accadde un Novembre, dopo il trasferimento in un altro edificio lavorativo.
In un giorno come questo, esattamente dieci anni fa:  d’improvviso, la ragazza trentenne sentì una voce nei corridoi tra gli uffici, che le sembrò quella di una persona perduta da tempo. Come se avesse riconosciuto quella voce da un’altra vita, di qualcuno che aveva amato, e che oggi finalmente ritrovava.
Non conosceva ancora quella persona, e non sapeva nemmeno che le avrebbe cambiato per sempre l’esistenza….e compromesso tutto, inclusa la vita lavorativa.
Questa, è, però, un’altra storia.
La storia di un Amore a senso unico ma così grande da mettere al mondo un bimbo.
La serenità, alla ragazza trentenne, le fu sottratta da questa persona che aveva un posizione lavorativa superiore, che fece precipitare il suo rendimento lavorativo attivamente – non solo in modo indiretto-  la sua emotività e probabilmente anche la possibilità di poter avere un avanzamento di carriera.

Ma, cosa più grave, questa persona le ha compromesso, nel tempo, anche attraverso il tramite di persone disturbate come lei, la possibilità di potersi muovere nell’edificio serenamente senza il timore di poter essere ancora una volta attaccata verbalmente o fisicamente.

Una volta un collega le disse “sei prigioniera nel tuo palazzo!”
Considerazione amara, ma vera, considerando che specialisti avevano consigliato l’allontanamento dall’edificio a seguito di attacchi d’ansia.

C’era una volta, e c’è ancora, dieci anni dopo.
L’ormai quarantenne che sta crescendo il figlio da sola e, per essere un genitore “quasi imperfetto” -ma forse anche un po’ per difesa emotiva- sta più fuori che dentro il lavoro, con relativa compromissione economica. Ora canta di meno, non suona quasi più, e quando può evitare gli sguardi attenti del suo bimbo, non sorride.
Scrive ancora, però: ed è forse l’unico modo per lenire la fatica ed il dolore.
Dopo dieci anni, cerca ora di stare alla larga dalle persone narcisiste con chiare tendenze borderline. Ma anche da chiunque non sembri abbastanza maturo per la propria età anagrafica.
Ha quasi concluso la prima parte del suo sogno…manca un capitolo alla tesi magistrale.
Nonostante tutto. Nonostante la depressione, gli attacchi di panico, l’ansia. La tristezza.
La tristezza. Soprattutto.

Il suo bimbo è stato la mano di Dio costantemente poggiata sul suo capo, è stato la Grazia della capacità di accettare le cose che non può cambiare e quella di affrontare le cose quasi insormontabili.

Ed eccola…dopo dieci anni…ora finalmente riacquistera’ anche la serenità di poter muoversi per l’edificio lavorativo.

Finalmente LIBERA.
Potrà tranquillamente recarsi al bar senza temere “brutti incontri”.
Questo perché si cambia palazzo.
Eh già.
E non ci saranno più quei lunghi ponti-corridoi a ricordarle quando era stata costretta a rintanarsi per isolarsi con chi la prendeva a sberle o a lattine di tè in faccia, dicendo che la amava.

Non ci saranno più quei più ballatoi dove doveva nascondersi a causa di quella persona.

Ci sarà ancora un panorama mozzafiato, ed il tempo passato sarà finalmente andato.
Già sorride, la ragazza quarantenne, a pensarci.
A pensarsi come allora, ma più forte.
Non più vecchia. Forse un pò più triste…ma in senso buono. La tristezza di chi ne sa un pò di più di ieri.
Ora, finalmente, la accompagna un sorriso più grande di lei.
Quello di un saggio bimbo neurodiverso di 8 anni e mezzo quasi…che, ironia della sorte, fu concepito in Novembre.
In un giorno come questo, esattamente nove anni fa.
E che con lei, questo Novembre, trascorrerà il primo giorno lavorativo nella nuova sede grazie all’iniziativa aziendale delle porte aperte ai figli dei dipendenti.Eh si… Il golfo la accecherà di luce, ancora, nel gioco degli specchi del centro direzionale, dall’alto della Torre.
Molto più di come faceva dieci anni fa.
Di più.
E forse…ma sì, ecco…la ragazza quarantenne ora tornerà a cantare Mika o i Beatles negli ascensori.
Chissà, forse ricomincerà anche a suonare…
#happyending
#adayinthelife
old position

Il tempo che abbiamo

Alice: “Per quanto tempo è per sempre?” Bianconiglio: “A volte, solo un secondo”.

(Lewis Carrol)

L’altro giorno sono andata a fare dei controlli in ottica di prevenzione. Mentre attendevo il mio turno, ho notato alcuni volti bui. Attese per referti che ti cambiano la vita. Una persona aveva gli occhi lucidi, e la giovane figlia le teneva la mano in silenzio, sui divanetti di fronte ai miei.

Mi è venuta in mente mia madre, che ha pensato bene di fare una vita di guerra con me e poi, l’ultima settimana della sua vita, rendersene conto e scusarsi e stringersi a me…tanto da morirmi in braccio.

Dovevo fare altre cose quel giorno e tornare che sarebbe già stato buio a casa, mentre mio figlio doveva tornare dal doposcuola col pulmino. Ricordavo ancora il suo visino al mattino: mogio mogio, lui che ha problemi di risveglio, e con una faccia delusa quando gli ho detto che ci saremmo visti direttamente di sera. Mi aveva accompagnato tutto il giorno, quello sguardo. Così, mentre i miei occhi non si staccavano da quelle mani strette sul divanetto, ho realizzato quanto spesso ci dimentichiamo che questo tempo è un dono. Che per vivere senza angoscia pensiamo come se non dovessimo mai morire, ma così rischiamo di trovarcela addosso, la Morte, portando un carico di “se avessi saputo”…rimpianti vari più annichilenti del trapasso stesso, che rendono il tempo e la vita “passati”, non vissuti.

Quando ho finito sono andata in un negozio di giocattoli, ho preso due di quei cosi che a mio figlio piacevano, uno per me ed uno per lui, e mi sono presentata a doposcuola. La luce del suo sorriso, a vedermi a sorpresa lì, avrebbe potuto illuminare interamente la notte artica. Siamo andati a casa, e siamo andati a giocare con quei due aggeggi… a farci la guerra per gioco, nascosti dietro a fortini di sedie, mentre mi raccontava che era felice perché ora riusciva a finire i compiti in tempo. Il Sostegno, con persone competenti, fa veramente la differenza.

E così ecco, mi dico che non voglio aspettare che qualcuno mi dica che sto morendo per poter vivere il mio tempo il più possibile con chi amo.Bisognerebbe, almeno una volta al giorno, ricordarsi che dobbiamo morire e che non sappiamo quando. Forse riusciremmo a fare cose che ci danno un po’ più di gioia.

29 luglio 2017

Alcuni dicono che la felicità bisogna cercarla lontano; altri dicono che dimora vicino, nella casa; ma la felicità perfetta è nella culla di un bimbo.
(Proverbio cinese)

​…Nessuno può prepararti veramente alla rivoluzione che porta un bambino nella tua vita. È come la creazione: prima il nulla, poi il Big Bang.

Fiat lux. 

E luce fu. 

Negli occhi di un bambino. 

Dopo, nulla è come prima.

E non c’è un settimo giorno, dove ci si può riposare…eppure ogni giorno è domenica. Perché il filtro è quello sguardo curioso e arcobaleno sul mondo. 

Dove tutto è possibile.

Dove anche una casa vecchia e in disordine è una grande avventura, quel labirinto o quella “villa villana” infestata di spettri curiosi.

E anche quando ti senti Noè sull’arca, dove non sai proprio se stai facendo giusto…quello sguardo è come la colomba con l’ulivo tra il becco: fai pace con Dio e con il mondo. 

E ti senti benedetto.

Rinasco ad ogni tuo compleanno, e grazie a te non mi pento degli errori.

Perché l’Amore porta sempre frutto. Perché il tuo amore è la mia casa.

Sogni di sogni

Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua capacità di arrampicarsi sugli alberi, passerà la sua vita a credere di essere stupido.
(Albert Einstein)



​Mercoledì la manifestazione finale del taekwondo. Oggi la pagella. Andrà in terza elementare con tutti 8 e 9 nelle materie che dicono tutto di lui: musica, educazione fisica, tecnologia.
Chi mi conosce sa che dei voti me ne cale nulla: a me interessa la felicità del mio bimbo. E la conocenza non passa per un voto. I ragazzi dovrebbero capire che non sono il voto che prendono, il quale e’ sottoposto ad innumerevoli variabili.  Ad esempio il mio voto di diploma, basso esclusivamente per i capricci di due insegnanti incapaci, è stato compensato dal 110elode della prima di due lauree.

Dicevo: a me i voti non interessano… ma i suoi li ho fatti leggere a lui, e per la prima volta l’ho visto consapevole che la sua “pazienza” ed il suo impegno lo hanno premiato. E contento.

Quando siamo andati andati a prendere la pagella, gli ho chiesto”sei contento almeno per oggi di tornare a scuola?” Il suo secco e deciso “NO!” mi ha fatto ridere di cuore.

Io ho sempre amato la scuola. Ma per lui è cominciata in salita: spero solo che la sua passione per i computer e per la tecnologia lo porti a cambiare idea sull’importanza dello studio.

Oggi, forse per la prima volta, ha espresso compiutamente un “da grande farò…” Lui vuole creare giochi al computer. “Voglio usare la mia grande fantasia” ha detto.

Lo dissi anche io, una volta. Avevo dieci anni, ed incontrai il commodore 64 e il Basic. Poi al liceo incontrai Kant e Freud e cambiai miei piani.

Ora quello che creo sono soluzioni. E creo sogni per mio figlio. Mi manca solo di poter aiutare anche gli altri a creare soluzioni e sogni. Allora potrò dire di essere riuscita a fare quello che volevo fare da grande.

E spero di poter aiutare mio figlio a fare altrettanto.

Cose che ho imparato in 42 anni (ma a portare i tacchi no)

​Cose che ho imparato in 42 anni:

1) che ogni giorno è un dono;

2) che Michelangelo ha fatto una faticaccia a modellare il marmo per quei capolavori (me ne sono accorta quando, scalpellino e martello alla mano, ho dovuto rimodellare il marmo sulla finestra) e secondo me era un dio;

3) che nell’era 2.0, 3.0 etc. basta un tutorial su Utube e puoi da sola stuccare pareti e legno, dipingere pareti e legno…peccato  che poi sempre a te tocca pulire il pavimento…

4) che da’ più soddisfazione una porta pitturata o un pavimento lucidato da te che un 30 e lode;

5) che troppo spesso la gente preferisce la ruffianeria alla genuinità, forse per l’incapacità di mettersi in discussione o di costruire legami reali;

6) che un conto è tirare avanti ed un conto è non arrendersi. Perché ci sono momenti che proprio non sai come andare avanti.Ma non ti arrendi.

7) che no, non li riuscirò mai a portare i tacchi. Il massimo è 5 cm e a blocco,  belli larghi. Forse perché sono sempre di corsa. Forse perché mi piace poter saltare gli ostacoli, non farmi fermare da una storta. E mi piace camminare per chilometri a piedi.Forse perché mi piace guidare l’auto, e il traffico non mi stressa.Forse perché con unghie lunghe e tacchi alti non si può suonare la chitarra e poter ballicchiare sulle scarpe camminando con la cuffia nelle orecchie. 

Forse perché non posso improvvisare una partita di calcio con un sasso con mio figlio…

…Mio figlio che è la lezione più importante di questa vita. Innanzitutto d’Amore. Poi di tante altre cose. Per esempio per la lotta per l’inclusione.

?) tante cose ancora da imparare…

Il mio pensiero,questa mattina

…Il mio pensiero questa mattina va ad un bambino che il 29 febbraio avrebbe compiuto nove anni…
…che invece è nato angelo e non bimbo, e che ci protegge dall’alto con le sue immense ali.